Lo zio d’America

Statua della LibertàGli Stati Uniti, all’inizio del secolo scorso, furono una grande meta d’emigrazione per migliaia di italiani. Il punto di approdo, per tutti, era Ellis Island, New York. All’ombra della statua della libertà, i passeggeri delle navi a vapore venivano controllati e registrati dal personale addetto all’immigrazione.

Perché questa premessa? Perché ho scoperto da poco che gli americani hanno digitalizzato tutti gli archivi dei registri d’immigrazione di Ellis Island di quell’epoca (1892-1924), e che gli stessi sono liberamente consultabili da chiunque su internet! Il sito è www.ellisisland.org.

Qui potete fare una ricerca (più o meno specifica) e troverete, per esempio, l’elenco delle persone arrivate negli USA con un determinato cognome. Facendo una semplice registrazione potrete anche vedere la scansione della pagina specifica del registro, la foto della nave, ecc.! Non manca lo shop per ordinare una stampa di questi documenti, volendo…

Chissà, magari scoprite di avere qualche parente in America a vostra insaputa! :D

Share via email Share
InformaticaPermalink

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

:smile: :grin: :mrgreen: :wink: :neutral: :sad: :cry: :eek: :confused: :cool: :lol: :razz: :oops: :mad: :evil: :twisted: :roll: :surprised: :!: :?: :idea: :arrow: :clap: :dance: :doh: :drool: :eh: :hand: :liar: :naughty: :pray: :shhh: :shifty: :sick: :silenced: :snooty: :think: :wall: :whistle: :love: :censored: :crazy: :food: :thumbup: :ciao: :cheers: :winky: :kiss: :rotfl: :ninja: