Nuova grafica

Ecco il primo degli aggiornamenti grafici di cui stavo parlando: un simpatico alienetto verde, simbolico abitante di Zelig Planet, che compare nei loghi delle sezioni principali del sito!
Carino, vero? Ed è solo l’inizio! cool

Pubblicato in Informatica | Contrassegnato con | Lascia un commento

Moto itinerari nel piacentino: Coli – Pradovera – Farini

Le colline Piacentine offrono sicuramente diverse opportunità di scelta per chi vuole farsi un bel giretto in moto a caccia di belle curve e bei paesaggi. Alcune sono strade molto note e frequentate (basti citare la “mitica” Val Trebbia), altre invece lo sono molto meno, ma anche queste ultime a volte sanno riservare piacevoli sorprese.

Oggi pomeriggio voglio provare una strada che io stesso non ho mai percorso prima, ma siccome il mio amico Ettore mi ha detto che è molto interessante, non resisto alla curiosità di farci subito un giro! La strada è di quelle secondarie, molto secondarie, tanto che se non avete una cartina almeno in scala 1:150.000 non la troverete nemmeno indicata… Comprende anche un breve tratto non asfaltato, quindi magari evitate di farla se avete appena lavato la moto!  :wink:

Il mio Tmax è già abbastanza sporco, quindi non mi faccio problemi… Parto imboccando subito la SS45, ovvero la “solita” Val Trebbia, che però percorro solamente nel suo tratto meno interessante, ovvero fino a Bobbio [2]. Appena oltrepassata questa località, infatti, svolto a sinistra in direzione Coli. Da questo punto in avanti diventa piuttosto raro incontrare auto sulla strada, e per quanto mi riguarda questo è già un buon motivo per percorrerla… Attraverso il fiume Trebbia su un piccolo ponte, quindi svolto a sinistra e inizio a scalare la collina su un bel tracciato misto stretto da percorrere con la giusta tranquillità, lasciandosi dondolare fra le curve i tornanti mentre si ammira lo splendido panorama sulla vallata sottostante. Alcuni punti meritano sicuramente una sosta contemplativa e io stesso mi fermo un paio di volte a scattare qualche foto.

Arrivato a Coli [3] faccio il giro della piazzetta del paese e proseguo sulla sinistra in direzione Peli. Dopo qualche chilometro di bella strada e panorami ancor più belli, il paesaggio comincia a cambiare in modo imprevisto, tanto da lasciare quasi stupefatti: non ci sono più alberi e ci si trova circondati solo da immensi prati adibiti a pascolo e qualche piccolo cespuglio. E’ il tipico paesaggio che di solito si trova a quote intorno ai 2.000 metri, ma qui siamo circa alla metà! A questo punto la strada, come dicevo, diventa sterrata, ma il tratto privo di asfalto è solamente di un paio di chilometri o poco più. Inoltre è un sentiero ampio e ben battuto, quindi assolutamente non impegnativo da percorrere, nemmeno con uno scooterone da due quintali e mezzo come il mio… All’inizio del tratto sterrato c’è un passo (del quale purtroppo non ricordo il nome) dove mi fermo per un paio di foto. Qui c’è anche un bivio che indica a destra Mareto e a sinistra Pradovera. Io scelgo la seconda via, che prosegue sempre in questo strano paesaggio e dovo poco più avanti incontro sulla mia sinistra diversi cavalli al pascolo (occhio che potreste benissimo trovarveli anche in mezzo alla strada!). Mi fermo un po’ a guardare e fotografare questi bellissimi animali, quindi riparto e, poco dopo, faccio un altro incontro piuttosto insolito: una bella rotonda (si, proprio una rotatoria in piena regola… su uno sterrato!) con al centro un grande monumento, che da queste parte è soprannominato amichevolmente – e per ovvi motivi – “l’angelone”!  Dopo un’altra breve sosta riprendo il cammino, sempre in direzione di Pradovera. Subito il paesaggio ritorna quello “convenzionale”, ricompaiono gli alberi, il sentiero si infila nel bosco per un breve tratto e quando ne esce ricomincia finalmente l’asfalto e si arriva nel piccolo borgo di Pradovera [4]. Da qui proseguo in direzione Farini. La strada rimane sempre godibile e divertente (oltre che praticamente deserta), ma comunque va percorsa con prudenza perchè in alcuni tratti l’asfalto è piuttosto rovinato e si salta un po’…

Dopo l’ultima discesa si “atterra” quindi in val Nure, e precisamente a Farini [5]. Qui svolto a sinistra verso Piacenza, mi diverto un po’ sul bel tratto misto fino a Bettola [6] approfittando dello scarso traffico e quindi proseguo dritto fino a casa. E’ stato veramente un bel giretto, quello di oggi: un rilassante tuffo nella nella tranquillità e nella natura, che fra l’altro in questa stagione da veramente il meglio di sé. Sicuramente da rifare! :smile:

Aggiornamento luglio 2005: come mi ero ripromesso, ho rifatto questo itinerario ed ho scoperto che nel frattempo la maggior parte del tratto sterrato (compreso anche quello dove si trova il monumento) è stato asfaltato! Adesso lo sterrato è ridotto a poche centinaia di metri e non presenta alcuna difficoltà.

Pubblicato in Viaggi | Contrassegnato con | Lascia un commento

Un post al volo!

Non sono scomparso, tranquilli… Sto solo lavorando ad alcune modifiche alla grafica del sito: potrete vedere i risultati fra qualche giorno, non siate impazienti!

Oggi ho fatto un bel giretto in scooter in collina, su una strada che ancora non conoscevo e che mi è piaciuta molto. Prossimamente pubblicherò un reportino con foto!

Pubblicato in Fuffa | Lascia un commento

Moto itinerari nel piacentino: passo del Brallo

Lo ammetto: lo scooter nei mesi invernali lo uso veramente pochino. Ogni tanto però il richiamo diventa troppo forte e allora, con la scusa di non far scaricare la batteria, mi metto in sella e parto. Oggi è proprio una di quelle giornate: approfittando di un pomeriggio libero e delle condizioni atmosferiche discrete, decido di farmi un giretto in solitario sulle nostre colline.

E’ il 14 novembre 2003 e ovviamente fa freddo, quindi cerco di attrezzarmi adeguatamente: stivali, pantaloni antipioggia infilati sopra ai jeans (i pantaloni tecnici ancora mi mancano, quindi devo accontentarmi…), giubbotto imbottito, sottocasco e guantoni invernali. Infilo il casco integrale e, come temevo, la visiera comincia ad appannarsi istantaneamente . A quanto pare il trattamento “permanent antifog” di serie non era poi tanto “permanent” ed è decisamente andato a farsi benedire, quindi ne approfitto per collaudare un liquido antiappannante che avevo comprato un po’ di tempo fa. Una passata e riprovo: sembra che funzioni, speriamo bene…

Il Tmax è fermo nel box da almeno due settimane, ma appena tocco il pulsante si avvia immediatamente, come se anche lui avesse voglia di sgranchirsi un po’ i pistoni! Esco di casa e mi immetto in tangenziale, direzione Bobbio, quindi Val Trebbia. Non so ancora di preciso dove andare, raramente pianifico gli itinerari in anticipo quando mi faccio un giretto da solo. Di solito lascio le decisioni all’ispirazione del momento: è un fenomeno strano, arrivo ad un bivio ed è come se fosse lo scooter a decidere dove vuole andare… a volte sembra voler rimanere su itinerari ben noti, altre volte mi porta su strade secondarie assolutamente sconosciute, ma che solitamente mi fanno scoprire luoghi e paesaggi ugualmente belli e inaspettati. E questo accade soprattutto quando si viaggia da soli e in questa stagione.

Non so perché, ma per me la moto in inverno ha un fascino particolare. Lontano dal traffico, dagli smanettoni estivi e dalle sudate disumane dei 40 gradi, tutto diventa più intimo, sia il rapporto con il mezzo meccanico che quello con la strada e il paesaggio.

Scaldato il motore e superato velocemente il tratto rettilineo fino a Rivergaro [2], inizio a scaldare anche le spalle delle gomme sulle curve che mi portano su fino a Perino [3]. Qui la strada principale svolta a destra per immettersi su un altro rettilineo costruito recentemente – e orribilmente – sul greto del fiume. La ruota anteriore pare che non voglia girare… io ovviamente l’assecondo e proseguo dritto lungo la strada vecchia che mi offre ancora qualche km di curve, fino a ricongiungersi nuovamente con l’altra. Proseguo quindi fino a Bobbio [4]. Qui potrei svoltare in paese e dirigermi vesso il passo Penice, ma decido di proseguire ancora per un po’.

Ricominciano le curve, prima ampie e poi più strette, dove la strada diventa una stretta striscia di asfalto scavata nella roccia a picco sul Trebbia, da percorrere tranquillamente godendosi il meraviglioso panorama. Il fiume, dopo la secca dei mesi scorsi, ora è tornato ricco d’acqua. Non ci sono i consueti bagnanti del periodo estivo, le tende dei campeggiatori, le auto parcheggiate… soltanto la strada quasi deserta e la natura finalmente libera dall’invadenza umana. Anche gli alberi sulle colline offrono un panorama differente, con le loro foglie gialle i tutti gli altri colori dell’autunno, sfumati da una leggera nebbiolina. Mi fermo qualche minuto sul bordo della strada ad ammirare lo spettacolo e scattare qualche foto.

Riprendo il viaggio ed arrivo a Marsaglia [5], altro importante crocevia: qui si può svoltare verso il passo del Mercatello che riporta in Val Nure, oppure verso la Val d’Aveto che conduce fino a Chiavari o ancora continuare in Val Trebbia in direzione Genova. Scelgo la terza opzione e proseguo dritto, passando davanti al bar solitamente affollato da motociclisti e invece oggi apparentemente frequentato soltanto da qualche pensionato che si ferma guardandomi passare.

Dopo Marsaglia, si sa, la Val Trebbia si trasforma in una vera e propria giostra per motociclisti, un’istigazione a delinquere, una sequenza mozzafiato di bellissime curve che troppo spesso portano gli smanettoni della domenica ad esagerare e a rischiare decisamente più del dovuto. E spesso le cronache sui giornali ne riportano le tristi conseguenze…

Io procedo ad andatura allegra, ma sempre con la giusta prudenza. Le gomme del Tmax hanno già diverse migliaia di Km sulle spalle e anche l’asfalto, di questa stagione, richiede maggiore rispetto: così freddo e in alcuni tratti insidiosamente umido, offre un grip sicuramente inferiore al solito.

All’incrocio seguente lascio la statale 45 (mica posso arrivare veramente fino Genova!) e svolto a destra seguendo le indicazioni per il passo del Brallo. La strada si restringe e si arrampica sul fianco della collina fra curve e tornanti. Proseguo per chilometri senza incontrare assolutamente nessuno, come se quella strada fosse li soltanto per me. Ogni tanto passo vicino a qualche minuscolo gruppo di case e vengo avvolto dal profumo della legna bruciata che esce dai camini. Sarà che ho un carattere un po’ solitario, ma io in questa pace e in questa atmosfera mi ci trovo veramente benissimo! E la moto è sicuramente il mezzo migliore per gustarsi appieno lo spettacolo.

Peccato soltanto per il freddo, porco cane! Nonostante i miei guanti Clover supertecnici, la temperatura sicuramente molto vicina allo zero mi sta facendo perdere la sensibilità alle dita… Rimpiango la mancanza di un termometro sul cruscotto per soddisfare la mia curiosità, ma soprattutto mi mancano un bel paio di manopole riscaldate! Magari prima o poi me le compro, ma per ora mi devo accontentare di una sosta ogni mezz’ora per scaldarmi le mani appoggiandole sulla marmitta…

Arrivo finalmente al passo del Brallo [6], 950 metri di altezza. Anche qui c’è un crocevia di strade fra cui scegliere, ma io proseguo dritto verso Varzi. Ai lati della strada, nei tratti in ombra, ci sono ampi residui di neve. Anche il monte Penice che vedo di fronte a me, pur se un po’ coperto da nuvole e nebbia, mostra chiaramente alcune zone innevate.

Man mano che scendo di quota ricomincia a comparire anche un po’ di traffico automobilistico sulla strada. Arrivo a Varzi [7] e svolto a destra in direzione di Zavattarello [8]: un altro bel tratto di curve da affrontare. Le ore di luce in questo periodo sono poche, soprattutto quando il cielo è coperto dalle nuvole. E infatti sta cominciando a fare buio, come al solito sto facendo molto più tardi del previsto e la strada per casa è ancora lunga… Passato Zavattarello svolto a sinistra verso Nibbiano (potrei anche proseguire per il Passo Penice e quindi tornare a Bobbio, ma non esageriamo!), quindi continuo fino a Borgonovo val Tidone [9] (ormai è buio pesto…) dove riprendo la strada per Piacenza.

Alla fine arrivo a parcheggiare lo scooter nel mio box. Il display sul cruscotto segna 170 Km percorsi, ho le mani e le gambe decisamente infreddolite. So che un qualsiasi automobilista mi prenderebbe per pazzo (beh, anche mia moglie lo fa…) sapendo che ogni tanto faccio viaggetti del genere con lo scooter anche d’inverno, da solo, con il freddo, e solo per divertimento!
Beh, questo pensiero mi fa sorridere… Forse i motociclisti un po’ pazzi lo sono veramente, ma io in questo momento mi sento proprio bene.

Direi quasi felice. :smile:

Pubblicato in Viaggi | Contrassegnato con | Lascia un commento

Un’altra pagina nuova nel sito

Un’altra paginetta nuova aggiunta nella sezione “Auto e Moto”! Non potevo infatti non parlare almeno un pochino della nostra Susy… la vecchietta di famiglia… insomma, la Panda di Faby! :mrgreen:

Pubblicato in Informatica | Contrassegnato con | Lascia un commento

Nuova pagina e nuova gita

Oggi ho aggiunto una nuova pagina nella sezione “Auto e Moto” del sito, dove parlo un po’ dei veicoli a 2 e 4 ruote che ho posseduto e guidato in passato. La pagina si chiama “History“.

Ieri ho fatto una gitarella in scooter con Faby nella zona di Bardi (PR). Il giro doveva essere un po’ più lungo, teoricamente, ma una sequenza tragicomica di contrattempi ci ha costretti a ridimensionare un po’ il tutto. Pazienza, ci siamo divertiti comunque! :mrgreen:
Per stavolta niente foto ne’ report, quindi, ma tanto il giro che avevamo previsto lo rifaremo sicuramente un’altra volta!

Pubblicato in Viaggi | Contrassegnato con , | Lascia un commento