C25K completato!

Per chi si chiedeva come fosse andata a finire la mia avventura podistica, posso finalmente annunciare con grande orgoglio di aver completato il programma di allenamento che stavo seguendo, e che quindi in questi due mesi sono passato dalla sedentarietà totale a correre per 30 minuti consecutivi. :dance:

Lo so che per i corridori “seri” sembrerà un traguardo ridicolo, ma per me è un risultato non da poco!

Posso quindi confermare che il programma C25K è veramente ben fatto e non posso fare a meno di consigliarlo a chiunque volesse cominciare a correre anche senza avere il minimo allenamento. Io non sono ancora arrivato a correre i fatidici 5 Km, perché vado evidentemente un po’ più lento del previsto e quindi ne faccio circa 4,5, ma questa è sicuramente la cosa che mi interessa meno, visto che non sto mica facendo una gara con nessuno (e comunque correre 30 minuti a una media di 9 Km/h non mi sembra neanche malaccio, per il momento!).

Peccato che abbia iniziato ad allenarmi troppo tardi, perché ormai sta arrivando l’inverno e quindi non so per quanto tempo potrò ancora correre. Già, sinceramente non credo che continuerò ad uscire anche nei mesi più freddi, però ho sicuramente intenzione di ricominciare appena possibile la prossima primavera!  :thumbup:

Pubblicato in La mia vita | Contrassegnato con | 1 Commento

Twitter widget

Allora visto che i simpaticoni di Twitter hanno deciso che le loro API i programmi non ufficiali non le possono usare e visto che il loro widget ufficiale fa schifo, non vedrete più i miei “ultimi tweet” pubblicati in automatico su queste pagine.

Come dite? Stica? Esatto, appunto…

Vabbè, se volete continuare (o cominciare) a leggere le fesserie che scrivo di là, followatemi, che diamine!

Pubblicato in Informatica | Contrassegnato con | 2 Commenti

Homebrewing: English Bitter 2012

Ed ecco l’ultima delle birre che ho preparato nella stagione 2011/2012. E’ una classica Bitter inglese, brassata il 20/5/2012 e imbottigliata il 03/06/2012.

Come ingredienti abbiamo malto base Maris Otter, circa un 10% di Crystal e un pizzico di Roasted. Luppolo Fuggle per l’amaro ed EKG per l’aroma. Lievito Fermentis S-04. Il mash è stato fatto a 67° e la fermentazione da 20° a 23,5° (a causa dell’aumento della temperatura in cantina…). OG: 1,040 – FG: 1,012 – ABV 3,9%

L’aspetto non è male, anche se il colore è sicuramente un po’ troppo scuro per lo stile. Bella la schiuma, abbastanza fine e persistente. L’aroma è leggero e un po’ sfuggente, il gusto abbastanza equilibrato con il malto in evidenza, una sfumatura di tostato data dal Roasted e le classiche note erbacee tipiche del lievito inglese utilizzato.

Anche questa birra ha partecipato alla BrewJam di AreaBirra.it e, a dire la verità, secondo me era forse la migliore delle tre che ho portato. La “giuria popolare” del concorso l’ha invece bocciata abbastanza drasticamente. Le motivazioni precise non le saprò mai, purtroppo, ma posso immaginare che fosse per una scarsa attinenza allo stile. Infatti la birra è buona (secondo me!) ma – a parte difettini secondari come quello del colore – è venuta indubbiamente poco amara. E per una bitter è un difetto non da poco, come potete immaginare…  :whistle:

Pubblicato in Birra | Contrassegnato con | 1 Commento

Programmazione delle prossime cotte

Le temperature stanno scendendo e si avvicina il momento di ricominciare a fare birre! Ora che ho sistemato altri lavoretti urgenti che mi tenevano impegnato il neurone (il giardino, per esempio), posso cominciare a pianificare qualcosina per le produzioni birrarie della prossima stagione.

La pianificazione nel mio caso è infatti indispensabile: dalle mie parti (ma questo vale per quasi tutta l’Italia…) non ci sono negozi che vendono materiali e ingredienti per homebrewing, quindi bisogna comprare tutto via web. E bisogna pagare le spese di spedizione, ovviamente. Questo significa che per risparmiare qualcosina gli ordini devono essere ridotti al minimo, uno o due al massimo all’anno, nel mio caso. E dovendo ordinare tutti gli ingredienti in una volta, bisogna avere abbastanza chiaro in testa quello che si ha intenzione di fare!

Ecco, al momento nella mia testa di chiaro c’è ben poco…

Innanzitutto l’obiettivo quantitativo rimane quello di fare una cotta al mese, come l’anno scorso, quindi otto in totale. Ma che birre fare? Provare ancora qualcosa di nuovo? O cercare di rifare (migliorandole, possibilmente) quelle già prodotte in passato? Credo che alla fine farò un po’ di entrambe le cose. Sicuramente rifarò una delle due “americane”, che mi sono piaciute molto entrambe, ma non so ancora quale delle due. Poi voglio assolutamente provare a perfezionare la stout. Altre candidate al rifacimento/miglioramento sono la Oat Brown, la Belgian e la Bitter. Potrei rifare anche la Waizen, ma confesso che mi stuzzica l’idea di provare a fare una Blanche…

Resterebbe ancora lo spazio per altre due o tre birre nuove, ed è qui che la scelta diventa difficile! Una classica IPA, che stranamente non ho mai prodotto? Qualcosa in stile tedesco a bassa fermentazione (ma senza lagerizzare)? Qualcosa di più “impegnativo” tipo una Barley Wine o una birra di Natale? O qualcosa di più particolare, come una birra alla frutta o alle castagne? Il tempo stringe, aiutooooooo!!!  :confused:

Pubblicato in Birra | Contrassegnato con | 4 Commenti

BrewJam AreaBirra.it 2012

Che dire del BrewJam 2012? Sicuramente che è stata una bella giornata! Finalmente ho conosciuto di persona un po’ dei frequentatori di AreaBirra, (anche se la mia scarsissima memoria mi ha impedito di associare tutte le facce ai rispettivi nickname del forum :roll: ), poi ho avuto occasione di assaggiare tante altre birre fatte in casa, di avere qualche opinione sulle mie, di fare qualche chiacchiera, di mangiare lo spiedo bresciano… che altro chiedere? Veramente tutto ok!

Ah, non ho vinto niente, ma quello era l’ultimo dei pensieri… :smile:

Pubblicato in Birra | Contrassegnato con | 6 Commenti

Homebrewing: Belgian Ale 2012

Mentre si avvicina il momento di riprendere a birrificare (e ancora non ho idea di cosa farò quest’anno!), proseguo a parlarvi delle birre che ho prodotto nella stagione passata: questa è stata imbottigliata il 13/05/2012 ed ha quindi già avuto anche il periodo di maturazione che si meritava.

Inizio col dire che la “belgian strong ale” che avevo fatto l’anno scorso, nonostante le buone premesse dei primi assaggi, poi stranamente si è rivelata una mezza porcheria. Ma io non mi arrendo e allora ci ho riprovato anche quest’anno!

E’ cambiata la ricetta, è cambiata le tecnica, fortunatamente è cambiato anche il risultato: stavolta le cose sono andate decisamente meglio. Questa birra è stata preparata in all-grain usando una base di malto Pilsener, a cui ho aggiunto un po’ di malti Weizen e Aroma 150, oltre a qualche etto di zucchero candito scuro. La luppolatura è affidata all’Hallertau per l’amaro e ad un pizzico di Saaz per l’aroma. Il lievito che ho usato questa volta è il Fermentis SafBrew T-58. OG: 1,058 – FG: 1,014 – Alcool 6,2 % Vol.

Tecnicamente, o meglio per la legge italiana, questa birra sarebbe una “doppio malto”. E’ infatti un po’ più forte di quelle che faccio di solito, anche se poi l’alcool non si sente troppo, e comunque per i freddi mesi invernali che stanno per arrivare sarà perfetta!

Il gusto stavolta è buono, si sente giustamente il profilo aromatico particolare dato dal lievito specifico, leggermente speziato, si sente il gusto del malto e solo un po’ in secondo piano il luppolo. Il colore è ambrato, la schiuma densa e persistente, la carbonazione corretta. Il corpo forse è leggermente eccessivo, nonostante l’uso dello zucchero, ma non è comunque pesante da bere. Promossa!  :thumbup:

Pubblicato in Birra | Contrassegnato con | Lascia un commento